Spotorno Spiaggia Mare

 

Spotorno stemma

 

SPOTORNO

Famoso centro balneare

 

 


Il frequentato centro balneare, circondato da verdi alture, risulta avere origini molto antiche, anche se le prime testimonianze attendibili risalgono all’XI secolo quale possedimento dei vescovi di Savona.

Nel 1227 subì una dolorosa sconfitta da parte della Repubblica di Noli che portò alla distruzione del superbo castello. Successivamente, per opera di Papa Urbano VI, passò in mano alla Repubblica di Genova di cui seguì, nel corso dei secoli, le vicissitudini storiche. Spotorno, adagiata su una zona pianeggiante al centro di un’ampia insenatura, ha modificato l’originale struttura urbanistica integrando costruzioni moderne atte alla ricettività turistica sempre più esigente.

Il nucleo storico della cittadina riesce infatti a stento a mantenere la tipica ubicazione lineare che si sviluppa ai bordi della zona costiera, caratteristica degli antichi borghi marinari liguri tra vicoletti che conducono alla passeggiata aperta allo sguardo sull’accattivante isolotto di Bergeggi.

Tra gli edifici religiosi rimangono di rilevante importanza la Chiesa Parrocchiale della Santissima Annunziata (di origini antiche, fu trasformata nel XVIII secolo e contiene opere risalenti al XV e XVI secolo) e l’Oratorio omonimo (XVII secolo). Tra gli edifici monumentali da non perdere sono i resti dell’antichissimo Castello Vescovile, abitato nel 1180 dal Vescovo di Savona, restaurato nel 1218 e distrutto nel 1227, situato su di un’altura poco sopra la cittadina.

Gli svaghi che Spotorno propone sono vari e vanno dalle manifestazioni di eco nazionale a gite in suggestive località vicine. È possibile raggiungere via mare l’isolotto e le grotte marine di Bergeggi.

La buona capacità ricettiva ed un mare azzurro incontaminato lo rendono così una delle mete più ambite dal turismo di massa.

 

Come ci si arriva: Autostrada A10 Genova Ventimiglia si esce all’ omonimo casello.

 

LUOGHI ED EVENTI DI INTERESSE:

 

Il Fantasma della Torre di Spotorno

 

 

Il Fantasma della Torre