Uscio piazza comune

 

Uscio stemma

 

USCIO

Borgo di collegamento

Il toponimo di Uscio, pur avendo origini opinabili, da sempre ha il medesimo significato: “porta”. Tra gli appassionati di storia, infatti, c’è chi sostiene che il nome di Uscio derivi da una definizione latina e chi, invece, da un dialetto ligure. Da qui i vocaboli “Aguxium”, e Uscium.

Uscio è un borgo di origine longobarda (ma il ritrovamento di un castellaro fa presumere un insediamento pre-romano), che distribuisce l'abitato lungo la strada principale.

La posizione alle pendici del colle Caprile ne fa, storicamente parlando, un passaggio obbligato per il collegamento commerciale fra la vallata di Recco e la Fontanbuona.

Si ricorda infatti che la potente famiglia dei Fieschi, feudatari della maggior parte dei Comuni appartenenti oggi alla Val Fontanabuona, dominò per lungo tempo, dalla sua fortezza sul Monte Tugio, tutti i traffici commerciali che si svolgevano lungo il passaggio che dal territorio di Uscio conduceva al mare

Alla fase longobarda, durante la quale Uscio esercitò la propria supremazia sulla zona a occidente del promontorio di Portofino, segue il periodo in cui divenne beneficio ecclesiastico della chiesa ambrosiana, di importanza tale da giustificare la costruzione di una pieve dedicata a S. Ambrogio.

Se le risorse principali del territorio di Uscio erano tradizionalmente connesse con l'allevamento e il commercio del bestiame a Genova e Recco, oggi è piuttosto il turismo la fonte predominante di reddito, favorito dalle caratteristiche climatiche che hanno permesso anche la fondazione della Colonia di salute Arnaldi.

Dai primi dell'800, inoltre, in zona, è stata introdotta la tipica industria degli orologi da torre, la cui tecnica fu importata dalla Germania da due famiglie del posto emigrate.

Di Uscio si ricordano anche le preziose tessiture di “Bisso”, una finissima tela di lino, di cui presero il nome gli artigiani stessi.

 

 

Ufficio Turistico:

Pro Loco Uscio
Via Vittorio Veneto, 100
Tel. 0185 91 101
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
www.prolocouscio.it