Manarola  stemma

 

MANAROLA

La Via dell' Amore

La ridente frazione di Riomaggiore fu fondata alla fine del XII secolo, da un gruppo di contadini ribelli sfuggiti alla tirannia di un “ Signore”, che occupava un Borgo a mezza costa, nelle vicinanze di Volastra.

Nel 1276 passò dai Fieschi alla Repubblica di Genova e ne seguì le sorti. Il nucleo di Manarola è adagiato sull’enorme pietra scura, a picco sul mare, che scivola tra stretti vicoli e terrazze verso un piccolissimo suggestivo approdo di una minuscola penisola. La cornice delle abitazioni esterne ricorda la struttura di un tessuto urbano sviluppatosi attorno al Castello, distrutto nel 1273.Orti e ripide scalinate completano il quadro di un’architettura ligure contadina che mostra i tenui pastelli di case arroccate dai tipici sapori di Liguria.

La Parrocchiale dedicata alla Natività di Maria Vergine, detta anche di S. Lorenzo, fu costruita, nel 1338, in stile gotico.

Trittici quattrocenteschi e pregevoli bassorilievi ne impreziosiscono gli interni. Il porticciolo è chiuso nella naturale gola originata da due caratteristici speroni rocciosi, e si presenta nella sua nobile natura pittoresca, baciato dal sole e lambito dalle spumeggianti onde del mare.

Tra i vigneti, simboli secolari delle fatiche dell’uomo ligure, e gli ulivi mossi dalla brezza, si sale a Volastra, gradevole borgo agglomerato sulla roccia da cui si gode un panorama incantato.

Poco lontano, il mistico santuario di NS della Salute, offre spunti d’arte nella sua rimaneggiata struttura romanica. Nel “Vicus Oleaster “, ovvero nel paese degli Ulivi si respira un’atmosfera magica in un mondo di silenzi.

Estremamente poetica è la Via dell’Amore che da Riomaggiore conduce a Manarola, nella beatitudine di uno straordinario percorso, illuminato dai brillanti riflessi del mare.

 

LUOGHI ED EVENTI DI INTERESSE:

 

Museo della Sciacchetrà Manarola Cinque Terre

 

 

Il Museo dello Sciacchetrà, il vino passito più prestigioso.