Rossiglione borgo

 

Rossiglione stemma

 

ROSSIGLIONE

Cittadina di notevole interesse urbanistico, artistico e storico.

 

Rossiglione, comune situato nella Valle Stura, è caratterizzato dalla presenza di case padronali che hanno una loro ben definita fisionomia architettonica, anche se, spesso, celata da numerosi interventi e rifacimenti nel corso dei secoli. Si tratta di abitazioni costruite nei secoli XVII e XVIII alle quali si aggiungono gli oratori, testimonianze della vitalità associativa dei secoli passati.

Strutturalmente il comune è suddiviso in due borgate: Rossiglione Superiore, sviluppatosi in maniera piuttosto compatta lungo il corso del torrente Berlino e Rossiglione Inferiore che si articola lungo la sponda sinistra dello Stura. Il primo di origine trecentesca, conserva qualche ricordo dell'antico tessuto urbano nel centro dell'abitato, dove si riconoscono case porticate su tozzi pilastri, archi ribassati e stemmi gentilizi.

Di particolare rilievo la Parrocchia di Santa Caterina di origine quattrocentesca, successivamente modificata. All'interno si può osservare la pala di B. Castello raffigurante l'Annunciazione e il gruppo ligneo della Madonna degli Angeli con S. Antonio attribuito al Maragliano.

Di differente origine è Rossiglione Inferiore, la cui fondazione risale probabilmente al XII secolo. Vi si svolgevano attività paleoindustriali, favorite, come pure per altri centri della Valle Stura, dalla fondamentale la presenza dell'acqua. Esse riguardavano la produzione del ferro e del vetro la cui maggior fioritura si ebbe nel XVI secolo.

Successivamente tali attività sono state sostituite da filande e cotonifici ai quali si associa oggi l'industria del mobile e la produzione dolciaria. Sino agli anni '60 è stato operativo il Cotonificio Ligure ultima iniziativa di questo settore ad ammainare bandiera.

Si assistette poi alla progressiva emigrazione di una parte della forza lavoro verso le industrie di Genova. Nel borgo inferiore molto interessante è l'Oratorio dell'Assunta che, oltre ad essere uno straordinario esempio dello sviluppo edilizio cinquecentesco, conserva notevoli, anche se in parte rovinati, affreschi di Andrea Semino, datati 1636.

Si tratta, come si evince da quanto esposto, di una cittadina di notevole interesse urbanistico, artistico e storico. A queste caratteristiche, già di per sé rilevanti, dobbiamo aggiungere quelle naturali, proprie degli insediamenti della Valle Stura e cioè: il clima estivo mite, il verde dei vasti boschi che circondano Rossiglione e le svariate possibilità escursionistiche, basti ricordare la frazione Garrone con il Lago di Ortiglieto, la Valle Berlino e la Valle Gargassa che si articola lungo il percorso dell'omonimo torrente ed è inclusa nell'area protetta del Beigua.