Brugnato centro Val di Vara

Brugnato stemma

 

 

BRUGNATO

Importante centro di tradizione storica
 
 
 
 

Brugnato è uno dei centri più importanti della Val di Vara sia per tradizione storica che per gli edifici monumentali ancora esistenti. Posto alle falde dell’Appennino, alla confluenza dei torrenti Gravegnola e Chicciola col fiume Vara, in una piana circondata ad anfiteatro da colline non molto alte e ricoperte di pini, acacie e castagni, vanta secoli di storia. La piccola città, infatti, sorge attorno al nucleo dell’antica abbazia benedettina fondata presumibilmente alla fine del VII secolo, in seguito all’arrivo nel territorio di Brugnato dei monaci di San Colombano, subito dopo la conquista della Liguria da parte di Rotari, re dei Longobardi, nel 644.

Nel 1133 il pontefice Innocenzo II, elevò Brugnato a dignità di diocesi, suffraganea di Genova. La piccola città da sempre protetta dalla Repubblica di Genova, fu oggetto di contesa tra le nobili famiglie dei Malaspina e dei Fieschi che volevano insediarsi nel territorio. All’inizio del ‘300 le lotte tra guelfi e ghibellini, costrinsero l’allora vescovo di Brugnato a ritirarsi a Pontremoli e, a Brugnato, la dominazione dei Malaspina si alternò con quella dei Fregoso fino alla metà del sec. XVI, quando, con un moto insurrezionale, la città passò sotto il governo della Repubblica di Genova. 

Nel 1820 per decreto pontificio la diocesi di Brugnato venne unita a quella di Luni -Sarzana fino al 1929 quando la sede vescovile passò a La Spezia.Percorrendo l’antico borgo dalla curiosa forma “a tenaglia”, il cui fulcro è il complesso episcopale, si incontrano interessanti testimonianze del passato del paese, la cui edificazione compatta e serrata risponde ad un'esigenza difensiva. 

Le uniche aperture del borgo erano le due antiche porte, ancora esistenti: ”Porta Soprana”, chiamata anche Maestra, ad occidente della città e “Porta Sottana”, posta ad oriente della città, in prossimità della quale è ancora visibile l’antico portale in arenaria della Cappella dei Santi Rocco e Caterina. Proseguendo il percorso si raggiunge l’antico centro della vita cittadina, la Piazza Maggiore, oggi Piazza Brosini, nelle cui immediate adiacenze si trovano varie tipologie di case con altana e di portali in pietra arenaria, uno dei quali, posto sotto l’Arco dei Sessanta, era l’ingresso della Caserma della Compagnia dei Scelti di Brugnato, istituita per decreto della Repubblica di Genova, nel 1531.